Viaggiare informati: Cosa visitare a Padova in estate?

PADOVA IN ESTATE

Una città antica ricca di cultura, scienza e arte: una città tutta da scoprire.

Lasciati incantare dal centro storico e dai suoi parchi. Lasciati trasportare dal clima frizzante delle serate estive davanti a un fresco aperitivo.

Ecco qualche proposta su ciò che potresti fare durante il tuo viaggio a Padova quest’estate!

Eventi

A dare il via alla stagione estiva c’è l’imperdibile mostra “Ricordare Boccioni” che, dal 23 aprile al 4 giugno nella Galleria Cavour di Padova, ti permetterà di ripercorrere l’affascinante carriera del pittore e scultore, poi esponente futurista.

In seguito, per recuperare dalle fatiche intellettuali della mostra, il 14 giugno presso il Gran Teatro Geox, potrai assistere al concerto della band franco-canadese dei Simple Plan nel tour che celebra i 15 anni dal debutto del loro primo album.

Il giorno seguente appuntamento fisso al Parco Europa (o Parco della Musica) per la rilassante esibizione del polistrumentista australiano Xavier Rudd.
Se sei un fan della musica elettronica e delle serate in discoteca il programma perfetto per il 28 luglio sarebbe iniziare con un aperitivo, seguito da una cena nel centro di Padova, per poi spostarsi a Piazzola sul Brenta per goderti la performance di David Guetta all’Anfiteatro Camerini.

Cosa visitare

Tra una mostra e un concerto potrai dedicare le tue attenzioni anche alla ricchezza artistica e culturale che la città di Padova può offrirti.

Innanzitutto potrai immergerti nel brulicare cittadino di Piazza delle Erbe, fulcro commerciale della città con il suo caratteristico mercato, ma anche goderti uno scorcio sulla torre dell’Orologio nella Piazza dei Signori o fare due passi nella splendida piazza Prato della Valle.

Nelle ore più calde potrai immergerti nella lussureggiante natura dell’Orto botanico oppure dedicarti ad una escursione in Bicicletta all’interno del meraviglioso Parco Regionale dei Colli Euganei, poco fuori dalla città.

Impossibile, inoltre, recarsi a Padova senza concedersi una visita agli affreschi di Giotto e Giusto nella Cappella degli Scrovegni; oppure una gita alla Chiesa di Sant’Antonio, “Il Santo” nume tutelare di Padova, all’interno della quale potrai trovare l’altare e la statua equestre creati da Donatello.

Nella Chiesa degli Eremitani invece troverai il magnifico capolavoro del Mantegna, l’affresco della cappella degli Ovetari, recuperato nonostante la parziale distruzione della stessa.

Nel centro della città potrai visitare e respirare l’atmosfera che si respira nei palazzi dell’Università di Padova, uno dei centri culturali più antichi in Italia e in Europa, oppure rimanere ipnotizzato dall’architettura del teatro anatomico della città e del Palazzo della Ragione.
Infine, una visita notturna presso l’antico osservatorio astronomico “La Specola“ può essere un modo diverso per godere dei cieli stellati estivi.

Come ogni viaggio degno di questo nome il piacere non giunge solo dal visitare luoghi famosi e già conosciuti, ma anche dall’esplorare liberamente, girovagando per la città, i suoi dintorni e la campagna circostante alla ricerca dei tanti piccoli tesori che Padova può offrire: uno scorcio, una piazza, un parco o un piccolo paesino.

Potresti farlo spostandoti a piedi o a bordo del tram nella calura estiva oppure potresti viaggiare stando comodamente seduto, sfruttando la professionalità e l’esperienza di un servizio pensato apposta per te dagli autisti Ncc Landomas.

 

Viaggiare informati: Vacanze di Pasqua a Roma, parola d’ordine: organizzazione

Le vacanze di Pasqua sono ormai alle porte e se vuoi andare a trascorrerle in una grande città come Roma non puoi affidarti al caso, soprattutto se hai una famiglia e dei bambini piccoli o animali al seguito. Certo, viaggiare con lo zaino in spalla ha il suo fascino, ma va bene se sei da solo o viaggi con gli amici, diversamente rischi di tornare a casa con brutti ricordi, stress, e possibilmente con litigi in famiglia che con le vacanze stonano proprio. Allora meglio darsi un minimo di organizzazione, soprattutto per evitare file o rischiare di non poter vedere un luogo di interesse che sarebbe un vero peccato perdere. Se hai deciso di trascorre le tue vacanze di Pasqua a Roma non perderti questi consigli.

Mappa della città

La prima cosa che ti serve è un’idea di come sia strutturata sul territorio la città di Roma. Non è una città facile, nonostante vi siano diversi collegamenti, perché il flusso di turisti, soprattutto in queste festività, è davvero imponente. Valuta, se hai bambini piccoli, la possibilità di prenotare un hotel o un B&B in centro, se vuoi risparmiare un po’ fuori dal raccordo, ma allora assicurati di essere nelle immediate vicinanze dei mezzi di trasporto, come la metro, trenini urbani e autobus, diversamente il taxi ti costerà un salasso negli spostamenti quotidiani.

Una mappa ti serve anche per farti un’idea di dove si trovino i principali punti d’interesse e come arrivarci, meglio partire avvantaggiati che brancolare per la città alla ricerca di informazioni. Ti serve sapere anche dove si trovano i migliori ristoranti, o quelli più economici, oppure i principali centri commerciali e, di conseguenza, come arrivarci.

Prenota prima gli ingressi

Se vuoi visitare i Musei Vaticani, il consiglio è quello di prenotare i biglietti con un certo anticipo, meglio ancora se li fai online, così eviterai anche di fare la fila che, in certe giornate, segue tutto il perimetro delle mura dell’edificio! Se vai a San Pietro metti in conto minimo mezza giornata, per cui, essendo ormai la temperatura abbastanza calda, procurati dei cappellini, in piazza San Pietro non c’è ombra mentre si fa la fila (che può durare diverse ore) e fa davvero caldo. Considera anche di informarti su eventuali restrizioni per l’ingresso in certi monumenti, soprattutto di questi tempi, per entrare a San Pietro, per esempio, si deve passare dai controlli di sicurezza.

Prendi nota dei presidi medici

Certamente quando si va in vacanza l’ultimo pensiero è quello di ammalarsi o farsi male, tuttavia, poiché sono cose che anche se ci si augura di no, possono accadere, è bene non farsi cogliere alla sprovvista. Soprattutto se si hanno bambini piccoli è bene almeno sapere dove son i principali pronto soccorsi o la guardia medica turistica. Basta un banale mal di testa per rovinare la vacanza. In realtà anche se si viaggia con animali è importante farsi un’idea di quali possano essere i veterinari più vicini alla struttura nella quale si è pernottato, anche perché girare tutta la città con un trasportino in mano e un gatto o un cane che sta poco bene è assolutamente sconsigliato.

Bancomat e filiali

Infine, un’altra cosa da annotare sono gli sportelli bancomat o le filiali della propria banca, più vicine a dove si soggiorna e in centro, in modo da non dover girovagare per tutta la città alla ricerca di uno sportello.

 

Viaggiare informati: Volo cancellato? Puoi farti risarcire

Cercare subito una soluzione alternativa

Se il volo viene annullato alcuni giorni prima del viaggio si ha il tempo di cercare una soluzione alternativa. Allora, a parte la delusione e la rabbia, la cosa migliore da fare è mettersi subito a cercare un’opzione valida che ci consenta comunque di partire e di non mandare al diavolo tutta la vacanza. Bisogna prima di tutto chiedere alla compagnia aerea con la quale dovevamo viaggiare se hanno disposto un volo alternativo comunque valido, sovente questo accade. Attenzione però, perché se accettiamo di prendere un volo alternativo che ci conduca nel medesimo posto in un orario congruo al chilometraggio (si fa un calcolo per saperlo) non si ha diritto a chiedere rimborso.

Nel caso in cui la compagnia aerea annulli un volo con circa due settimane di anticipo, infatti, non si ha diritto ad alcun risarcimento, ma al solo rimborso del biglietto, purché, ovviamente, non si accetti di salire su un volo alternativo. Chiaro che se avete già prenotato l’hotel vi conviene ingoiare il boccone amaro e accettare il volo alternativo, in modo da raggiungere la vostra meta e non perdere nemmeno un’ora delle vostre meritate vacanze.

E se il volo viene cancellato in aeroporto?

Purtroppo capita anche di trovarsi già in aeroporto, pronti a imbarcarsi, col cuore trepidante e il desiderio di rilassarvi al vostro arrivo in hotel. E poi quelle nefaste parole sul tabellone delle partenze: volo cancellato. Che delusione! In questo caso però si ha diritto anche a un risarcimento oltre al rimborso del biglietto. Ma non solo. C’è una normativa sancita dalla Carta del Passeggero che obbliga la compagnia aerea a pagare anche eventuali pasti e bevande per tutta la durata dell’attesa fino al prossimo volo utile, una sistemazione in hotel nel caso in cui non si possa partire in giornata e i transfer da e per l’aeroporto.

Quando non si viene risarciti

Si ha diritto, per esempio, al solo rimborso volo cancellato Alitalia, o altra compagnia, quando questa possa dimostrare che la cancellazione è avvenuta per fatti eccezionali come un attentato terroristico, la chiusura dello spazio aereo, problemi alle apparecchiature di navigazione, al radar, scioperi improvvisi.

 

Viaggiare informati: I luoghi da vedere a Positano e dove soggiornare

Per godere di questa armonia di colori, profumi e sapori è preferibile che la visitiate a piedi, anche perché pochi sono i vicoli accessibili ai veicoli.
Il paese si sviluppa intorno alla piazza Flavio Gioia, in cui si trova la Chiesa di Santa Maria Assunta risalente al ‘200 e famosa in tutto il mondo per la cupola in maiolica. Imperdibile una passeggiata lungo le vie panoramiche che fiancheggiano la costa, come via Fornillo, da cui potrete ammirare un panorama mozzafiato. Non potrete fare a meno, inoltre, di un bagno in una delle belle spiaggette del posto.

Per visitare Positano, dunque, non avrete necessariamente bisogno dell’auto. Potrete però fittarne una se vorrete visitare anche località vicine, come Amalfi, Ravello, Furore e Vietri sul Mare. Ad Amalfi, antica Repubblica Marinara, potrete visitare il bellissimo Duomo e il museo dedicato alla carta Bambagina, un tipo di carta particolare prodotto in loco.

Tra Amalfi e Conca dei Marini si trova la Grotta dello Smeraldo, scoperta per caso da un pescatore nel 1932: nelle giornate di sole, l’acqua riflette i raggi che entrano nella grotta attraverso una fenditura sottomarina e sembra diventare verde smeraldo.

A Ravello potrete perdervi negli incantevoli giardini di Villa Rufolo e perdervi nel meraviglioso panorama di cui potrete godere dalla Terrazza dell’Infinito di Villa Cimbrone. Ravello è famosissima anche per il Ravello Festival, che si svolge nel periodo estivo e richiama ogni anno centinaia di visitatori. Proseguendo, non potete perdervi il fiordo di Furore, le cui pareti sono collegate da un tratto di strada all’altezza di 30 metri: qui, ogni anno, si svolge il Campionato Mondiale di tuffi dalle grandi altezze.

Per il vostro soggiorno a Positano potete scegliere di soggiornare a Villa Positano, un lussuoso complesso composto da due ville panoramiche, caratterizzato da attenzione e cura per i dettagli. Per entrambe le ville sono garantiti una serie di servizi minimi: biancheria da bagno e asciugamani da usare in piscina o al mare, wifi sia negli ambienti interni che esterni, forno a legna se vorrete cimentarvi nella preparazione della vera pizza napoletana, tv satellitare, aria condizionata, parcheggio privato (su richiesta), barbecue, cassetta di sicurezza, lavatrice e lavastoviglie, macchina Nespresso per il caffè e bollitore, spremiagrumi e asciugacapelli.

Inoltre, gli ospiti potranno godere di una piscina riscaldata che viene pulita quotidianamente, minibar con acqua e bevande analcoliche o leggermente alcoliche, colazione e pasti in camera, trasfer per/da Positano con shuttle, consegna del bucato e della spesa gratuita. È possibile inoltre usufruire di una serie di servizi su richiesta, come transfer da/per l’aeroporto, pizza a domicilio, tour guidati (anche in barca), pulizie supplementari. Scopri di più sui servizi rental a Positano e Amalfi di Villa Positano.

 

Viaggiare informati: Byblos Milano: recensioni e prossimi eventi

Tutti i sabato sera, ma con l’arrivo in particolar modo dell’estate, tutte le sere i ragazzi scelgono la movida notturna milanese, fatta di migliaia di locali dove passare la serata in compagnia di amici, ma pochi sono veramente quelli degni di nota. Uno di questi, è il Byblos, detto anche B38 Club Milano, locale molto rinomato, soprattutto da ragazzi e dagli addetti ai lavori.

Appartiene alla categoria di locali fashion, alla moda e giovanili, frequentati spesso da volti noti dello spettacolo, come attori, cantanti e calciatori, anche stranieri, dove vengono organizzati frequentemente eventi di grande spessore, come facilmente notabile dal portale Imperium Milano, dove sono presenti tutti gli eventi che si terranno oltre che al Bylos, in altri tanti locali milanesi, con orari e costi d’ingresso a seguito.

Tra i più importanti della zona, è riconosciuto come il locale ideale per il ritrovo di ragazzi dai diciotto ai trent’anni, con ottima musica e bellissimi eventi, organizzati in maniera eccezionale con dj provenienti da ogni parte del mondo.

Il locale, oltre ad essere un ottimo svago, presenta anche altri servizi, soprattutto quelli riguardanti il cibo. Infatti in base a degli orari già stabiliti, consultabili per chi fosse interessato direttamente dal sito del club, sono programmati gli orari di apertura dei servizi per il lunch e per la cena, oltre che i servizi bar, compresi di coktail dalle 23.30 alle 5.00 dal giovedì al sabato. Inoltre è presente per la gente che dispone di solidità economica abbastanza solida, una vip service, dove in un area privata del locale, è possibile bere qualche sorso e mangiare cibo di ottima qualità e in grande quantità.

Non mancano di certo i grandi eventi, con i grandi cantanti. Infatti per i ticket è possibile prenotarli direttamente dal sito web del locale facilmente da trovare, grazie alla quale eviterete grandissime file d’attesa, anche per quanto riguarda l’ingresso stesso. Si trova nella zona nord-ovest di Milano, in via Messina 38, a ravvicinata distanza dall’Alcatraz, altra famosissima discoteca presente sul territorio milanese.

Il Byblos o B38 Club Milano, a seconda dei gusti personali, è un ottimo punto di ritrovo per i giovani che vogliono dar svago alle solite noie e la solita routine quotidiana. E’ la sintesi perfetta di locale sicuro, dove è possibile divertirsi con i giusti modi e fattore da non trascurare, la stessa location si occupa di mettere in guardia coloro che avendo alzato un pochino il gomito decidono di mettersi comunque alla guida per tornare a casa, grazie ad una pubblicità fatta per sensibilizzare la coscienza delle stesse persone.

La presenza, molto spesso di vip come calciatori, attori o cantanti, porta la discoteca ad avere un altissimo successo e grandissimi consensi grazie a testimonial affermati del mondo dello spettacolo.

Se tutto questo è possibile, lo si deve al grandissimo lavoro svolto dai proprietari e organizzatori di eventi negli anni scorsi e nonostante tutto continuano sempre più a migliorarsi, per permettere ai clienti di passare bellissime serate in compagnia di amici e di ottima musica, accompagnati anche da un buon coktail e cibo di alta qualità.

 

Viaggiare informati: Campi Flegrei, la terra ardente

Campi Flegrei significa “Campi Ardenti” ed è il nome che gli antichi assegnarono alla zona situata a pochi chilometri a nord di Napoli, che oggi comprende i comuni di Pozzuoli, Quarto, Bacoli e Monte di Procida, e che si trova a pochi chilometri da Napoli.

Si tratta di un territorio dal fascino incredibile, un connubio perfetto di natura, cultura, tradizioni, folclore, sole, mare.

Le testimonianze storiche ancora presenti nel territorio sono tantissime: i romani costruirono in questa zona acquedotti, anfiteatri e ville che oggi possiamo ancora ammirare. Per capire l’importanza storica di questi luoghi, basti pensare che Virgilio, proprio nei Campi Flegrei, ambientò il mito dell’Eneide.

Senza considerare che la vicinanza a Napoli rende questa meta particolarmente adatta per chi vuole visitare non solo i Campi Flegrei ma anche la città capoluogo di regione.

Sarebbe impossibile citare tutte le meraviglie storico-archeologiche e i veri e propri musei a cielo aperto presenti in zona.

Uno su tutti è la Città Sommersa di Baia, situata nel mare dei Campi Flegrei, un’antica città oggi sommersa dall’acqua e costituita da ville patrizie, strade larghe e stupendi ornamenti.

Chi visita questo luogo incredibile non può fare a meno di notare come la struttura della città sia ancora oggi perfettamente visibile, e come le anfore e i vasi siano rimasti al loro posto. È come se l’acqua avesse protetto secoli di storia.

Un’altra struttura romana di grandissimo pregio è la “Piscina Mirabilis”, un’immensa vasca costruita sottoterra per assolvere la funzione di cisterna per l’acqua potabile e costituita da altissime navate che ancora oggi lasciano senza fiato.

Un’altra interessante testimonianza del passato è il Castello Aragonese, costruito in un luogo strategicamente fondamentale per la tutela dell’intero golfo di Pozzuoli, che per anni ha rappresentato una fortezza assolutamente inespugnabile. Oggi il Castello è sede del Museo Archeologico dei Campi Flegrei che raccoglie straordinari reperti ritrovati nel Golfo di Pozzuoli.

Per chi decidesse di visitare questa zona meravigliosa consigliamo di alloggiare nel territorio per godere appieno anche dell’eccezionale tradizione culinaria. Un’ottima soluzione è il Complesso Al Chiar di Luna a Monte di Procida, location per matrimoni ed eventi, hotel e ristorante. La soluzione ideale per chi cerca una struttura ricettiva panoramica, lontana dalla confusione delle grandi città, un luogo all’insegna del relax e della bellezza.

 

Viaggiare informati: Regione al plurale, un caleidoscopio di attrazioni, ecco le Marche

Perché visitare le Marche?

Regione al plurale, con le quattro province che sono quattro valli separate organizzate sull’asse Est/Ovest, e quindi ognuna con un suo specifico carattere, che, peraltro, fa assomigliare ogni provincia alle sue vicine, per cui Pesaro è simile alla Romagna – dal dialetto alle tradizioni alimentari – e Ascoli al vicino Abruzzo.

Partendo da Nord si trova appunto al provincia di Pesaro e Urbino, che è in realtà fatta di due realtà molto diverse: la zona del pesarese sul mare, con una bella città dotata di qualche resto del suo passato comunale e di signoria, e la splendida Urbino gioiello rinascimentale tra i monti, con un impianto urbanistico rimasto intatto dai tempi del Duca Federico nel ‘400 e dotata di un palazzo che è forse il più bello d’Italia. Scendendo a Sud si trova la provincia di Macerata, con una tappa obbligatoria a Recanati, dove il pellegrinaggio leopardiano deve comprendere, oltre al palazzo dei Conti, dove il grande Giacomo consumò la gioventù nel suo studio matto e disperatissimo, la siepe e il colle dell’Infinito, la piazza e il campanile del Passero Solitario e così via, in un borgo che comunque è affascinante e tranquillo. Ancona ha un magnifico Duomo dedicato a San Ciriaco che domina dalla collina il mare e la costa. Una città ordinata, tranquilla, che merita una visita attenta per i suoi numerosi beni culturali. E poi Ascoli, con una piazza meravigliosa nella sua eleganza, e anch’essa con resti medievali e rinascimentali che consentono una bella visita.

Ma i paesi, le cittadine che meritano di essere visitati sono tanti, da Loreto a San benedetto del Tronto, da Fermo a San Leo, tutti in un panorama di colline dolcissime digradanti sul mare, piatto e adatto a bagni estivi tranquilli. Con il Conero, promontorio roccioso, insieme al Gargano, solo a interrompere la piatta spiaggia dell’Adriatico, che presenta panorami inconsueti.

I prodotti alimentari sono tanti, dal Ciauscolo, salame che si spalma sul pane, ai magnifici pecorini di fossa, fino alle olive ascolane, ripiene di carne. E un patto che si trova ovunque, sempre diverso nei diversi paesi, e da tutti descritto come l’originale, c’è il brodetto, la zuppa di pesce locale. I vini, da quelli della colina urbinate, a quelli del Conero, sono eccellenti, con alcuni diventato di moda negli ultimi tempi, come il Pecorino e la Passerina, bianchi da aperitivo di buona beva.

 

Viaggiare informati: In vacanza con attenzione

Gli incidenti in vacanza

Proprio il senso di rilassamento che ci pervade durante una vacanza, può essere indirettamente causa di infortuni, che in alcuni casi ci possono rovinare completamente la villeggiatura. Quando il nostro livello di attenzione si abbassa, i pericoli aumentano esponenzialmente, e possono capitare gli incidenti. Cosa fare allora? Proprio perché ci troviamo in vacanza, ci sono delle normative che prevedono dei risarcimenti, legati principalmente ad assicurazioni che abbiamo stipulato prima di partire, ma non sempre è possibile ottenere risarcimenti facili.

Le richieste di risarcimento per incidenti verificatisi all’estero, sono certamente più complesse, anche perché sono soggette alle leggi in vigore in quel paese. Ciononostante esistono delle norme che aiutano le vittime nel caso di sinistri, come ad esempio il Decreto Legislativo n°190 del 30 giugno 2003, emanato con la direttiva 2000/26/CE, che sancisce che tutte le auto europee siano censite in una banca dati, affinché possano essere facilmente rintracciabili in caso di incidente stradale.

In una vacanza gli incidenti possono accadere in albergo, come anche in barca, in crociera, in aeroporto, in spiaggia o sui veicoli noleggiati. Nell’ambito del settore della ricezione e dell’accoglienza, tutti gli addetti, nonché i responsabili, hanno il dovere di garantire la sicurezza per i loro ospiti, proprio per abbassare il più possibile i rischi.

Le cause degli incidenti

Tante sono le cause che possono determinare incidenti, che vanno dallo smarrimento dei bagagli in aeroporto, al ritardo o alla soppressione di un volo. Anche i disservizi in un albergo, o un pavimento bagnato o anche un oggetto fuori posto possono causare una caduta accidentale. I ristoranti possono essere teatro di intossicazioni alimentari, le escursioni possono finire con fratture o tagli profondi, la poca igiene al’interno di un albergo può essere causa di qualche malattia, magari infettiva, gli sport acquatici possono provocare lesioni o traumi. I problemi maggiori capitano statisticamente con i mezzi di trasporto a noleggio, primi fra tutti l’automobile, ma anche con una moto o una bici si può incorrere in incidenti, anche gravi.

Attenzione e prevenzione

Attenzione e prevenzione devono essere le parole d’ordine di chi si reca in villeggiatura. L’attenzione ci aiuta a evitare i pericoli, piccoli o grandi che siano, che possono rovinarci completamente la vacanza. Come dicevano, rilassarsi non significa abbassare i livelli di guardia, anche se inconsciamente lo facciamo, ma significa vivere quei giorni in modo più tranquillo, con altri ritmi, divertendoci, ma sempre stando attenti a quello che facciamo, valutandone i rischi, visto che comunque ne va di mezzo la nostra salute. Prevenzione perché dobbiamo partire coperti, grazie ad un’assicurazione adeguata, e informandoci riguardo al paese che andremo a visitare, dove le abitudini e le leggi possono essere diverse dalle nostre.

 

Viaggiare informati: Cosa vedere nei dintorni di Roma: guida a una gita fuori porta

Si può affermare senza ombra di dubbio che Roma sia un vero e proprio museo a cielo aperto: ogni suo angolo, infatti, racconta della storia, della musica, dell’arte e persino del cinema. Tuttavia tale città è anche caratterizzata dalla frenesia e dal caos. Per questo sono in tanti coloro che, per poter abbandonare per un po’ il caos della vita quotidiana che la caratterizza, optano per le gite fuori porta.

In particolar modo nelle zone adiacenti a Roma vi sono diverse località interessanti da poter visitare, ad esempio ville, laghi ma anche zone marittime ideali per potersi rilassare al meglio. Il sito romabbella.com si occupa di offrire ai lettore diversi ed interessanti spunti per visite sia a Roma e sia nei dintorni della capitale, indicando idee per viaggi alla scoperta di bellezze sia artistiche che storiche, ambientali, architettoniche e molte altre ancora.

Oltre a diversi itinerari turistici effettuabili in tale parte di regione, inoltre, si potrà avere accesso a numerosi consigli ed informazioni utili per poter organizzare sia gite di più giorni e sia gite fuori porta giornaliere dedicate alla scoperta di borghi, scorci e panorami mozzafiato.

Nel caso Roma sia stata già ampiamente visitata e si siano potute ammirare le sue piazze ed i suoi maestosi monumenti, è possibile decidere di interessarsi anche alla visita di mete della provincia. Spesso tali mete sono poco conosciute anche dagli abitanti di Roma, i quali non conoscono tutte le attrazioni turistiche di cui è fornito il loro territorio.

Una delle mete maggiormente consigliate per una gita fuori porta è la città di Castel Gandolfo. Questa è conosciuta come il luogo che funge da residenza estiva dei papi, ma è anche uno dei luoghi che offre panorami ed esperienze naturalistiche esclusive.
In particolar modo, uno dei luoghi più interessanti di tale città è il lago di Castel Gandolfo, meta ideale per svolgere attività come la pesca, la canoa oppure la vela.

Vale poi la pena visitare anche Tivoli e la Villa Adriana: a soli 25 km da Roma si potrà godere della vista della più grande villa romana mai costruita per un imperatore (Adriano), ammirando la straordinaria bellezza che caratterizza ormai da secoli l’architettura romana.

Nelle zone adiacenti a Roma, oltre alle zone citate, si possono trovare numerosi intrattenimenti sia di tipo culinario che sociale. A tal proposito si potrebbe citare Ariccia: questa è una delle località maggiormente conosciute nei dintorni di Roma sia per la breve distanza tra le due città e sia perché ospita la famosissima Sagra delle Porchetta, la quale può vantare una tradizione millenaria ed una produzione conosciuta in tutta Italia.

Nel caso in cui, invece, si voglia optare per una gita fuori porta nella stagione calda, esistono numerosi ed interessanti itinerari adatti a coloro che desiderano rilassarsi in spiaggia e godersi il mare. Le spiagge più belle e conosciute nella provincia romana sono indubbiamente Sperlonga, San Felice Circero e Sabaudia.

Se, invece, si preferisce unire il relax alla spensieratezza ed il divertimento si può visitare il parco divertimenti Zoomarine: questo si trova a 38 km da Roma ed è totalmente a tema marino. Al suo interno si potrà infatti godere della vista di numerosi animali di ogni tipo, immergendosi appieno in un incontro unico con i colori ed i suoni della natura. Scopri di più dunque sulle gite fuori porta di Roma.

 

Ciao mondo!

Benvenuto in WordPress. Questo è il tuo primo articolo. Modificalo o eliminalo, e inizia a creare il tuo blog!