Viaggiare informati: Regione al plurale, un caleidoscopio di attrazioni, ecco le Marche

Perché visitare le Marche?

Regione al plurale, con le quattro province che sono quattro valli separate organizzate sull’asse Est/Ovest, e quindi ognuna con un suo specifico carattere, che, peraltro, fa assomigliare ogni provincia alle sue vicine, per cui Pesaro è simile alla Romagna – dal dialetto alle tradizioni alimentari – e Ascoli al vicino Abruzzo.

Partendo da Nord si trova appunto al provincia di Pesaro e Urbino, che è in realtà fatta di due realtà molto diverse: la zona del pesarese sul mare, con una bella città dotata di qualche resto del suo passato comunale e di signoria, e la splendida Urbino gioiello rinascimentale tra i monti, con un impianto urbanistico rimasto intatto dai tempi del Duca Federico nel ‘400 e dotata di un palazzo che è forse il più bello d’Italia. Scendendo a Sud si trova la provincia di Macerata, con una tappa obbligatoria a Recanati, dove il pellegrinaggio leopardiano deve comprendere, oltre al palazzo dei Conti, dove il grande Giacomo consumò la gioventù nel suo studio matto e disperatissimo, la siepe e il colle dell’Infinito, la piazza e il campanile del Passero Solitario e così via, in un borgo che comunque è affascinante e tranquillo. Ancona ha un magnifico Duomo dedicato a San Ciriaco che domina dalla collina il mare e la costa. Una città ordinata, tranquilla, che merita una visita attenta per i suoi numerosi beni culturali. E poi Ascoli, con una piazza meravigliosa nella sua eleganza, e anch’essa con resti medievali e rinascimentali che consentono una bella visita.

Ma i paesi, le cittadine che meritano di essere visitati sono tanti, da Loreto a San benedetto del Tronto, da Fermo a San Leo, tutti in un panorama di colline dolcissime digradanti sul mare, piatto e adatto a bagni estivi tranquilli. Con il Conero, promontorio roccioso, insieme al Gargano, solo a interrompere la piatta spiaggia dell’Adriatico, che presenta panorami inconsueti.

I prodotti alimentari sono tanti, dal Ciauscolo, salame che si spalma sul pane, ai magnifici pecorini di fossa, fino alle olive ascolane, ripiene di carne. E un patto che si trova ovunque, sempre diverso nei diversi paesi, e da tutti descritto come l’originale, c’è il brodetto, la zuppa di pesce locale. I vini, da quelli della colina urbinate, a quelli del Conero, sono eccellenti, con alcuni diventato di moda negli ultimi tempi, come il Pecorino e la Passerina, bianchi da aperitivo di buona beva.

 

Viaggiare informati: In vacanza con attenzione

Gli incidenti in vacanza

Proprio il senso di rilassamento che ci pervade durante una vacanza, può essere indirettamente causa di infortuni, che in alcuni casi ci possono rovinare completamente la villeggiatura. Quando il nostro livello di attenzione si abbassa, i pericoli aumentano esponenzialmente, e possono capitare gli incidenti. Cosa fare allora? Proprio perché ci troviamo in vacanza, ci sono delle normative che prevedono dei risarcimenti, legati principalmente ad assicurazioni che abbiamo stipulato prima di partire, ma non sempre è possibile ottenere risarcimenti facili.

Le richieste di risarcimento per incidenti verificatisi all’estero, sono certamente più complesse, anche perché sono soggette alle leggi in vigore in quel paese. Ciononostante esistono delle norme che aiutano le vittime nel caso di sinistri, come ad esempio il Decreto Legislativo n°190 del 30 giugno 2003, emanato con la direttiva 2000/26/CE, che sancisce che tutte le auto europee siano censite in una banca dati, affinché possano essere facilmente rintracciabili in caso di incidente stradale.

In una vacanza gli incidenti possono accadere in albergo, come anche in barca, in crociera, in aeroporto, in spiaggia o sui veicoli noleggiati. Nell’ambito del settore della ricezione e dell’accoglienza, tutti gli addetti, nonché i responsabili, hanno il dovere di garantire la sicurezza per i loro ospiti, proprio per abbassare il più possibile i rischi.

Le cause degli incidenti

Tante sono le cause che possono determinare incidenti, che vanno dallo smarrimento dei bagagli in aeroporto, al ritardo o alla soppressione di un volo. Anche i disservizi in un albergo, o un pavimento bagnato o anche un oggetto fuori posto possono causare una caduta accidentale. I ristoranti possono essere teatro di intossicazioni alimentari, le escursioni possono finire con fratture o tagli profondi, la poca igiene al’interno di un albergo può essere causa di qualche malattia, magari infettiva, gli sport acquatici possono provocare lesioni o traumi. I problemi maggiori capitano statisticamente con i mezzi di trasporto a noleggio, primi fra tutti l’automobile, ma anche con una moto o una bici si può incorrere in incidenti, anche gravi.

Attenzione e prevenzione

Attenzione e prevenzione devono essere le parole d’ordine di chi si reca in villeggiatura. L’attenzione ci aiuta a evitare i pericoli, piccoli o grandi che siano, che possono rovinarci completamente la vacanza. Come dicevano, rilassarsi non significa abbassare i livelli di guardia, anche se inconsciamente lo facciamo, ma significa vivere quei giorni in modo più tranquillo, con altri ritmi, divertendoci, ma sempre stando attenti a quello che facciamo, valutandone i rischi, visto che comunque ne va di mezzo la nostra salute. Prevenzione perché dobbiamo partire coperti, grazie ad un’assicurazione adeguata, e informandoci riguardo al paese che andremo a visitare, dove le abitudini e le leggi possono essere diverse dalle nostre.

 

Viaggiare informati: Cosa vedere nei dintorni di Roma: guida a una gita fuori porta

Si può affermare senza ombra di dubbio che Roma sia un vero e proprio museo a cielo aperto: ogni suo angolo, infatti, racconta della storia, della musica, dell’arte e persino del cinema. Tuttavia tale città è anche caratterizzata dalla frenesia e dal caos. Per questo sono in tanti coloro che, per poter abbandonare per un po’ il caos della vita quotidiana che la caratterizza, optano per le gite fuori porta.

In particolar modo nelle zone adiacenti a Roma vi sono diverse località interessanti da poter visitare, ad esempio ville, laghi ma anche zone marittime ideali per potersi rilassare al meglio. Il sito romabbella.com si occupa di offrire ai lettore diversi ed interessanti spunti per visite sia a Roma e sia nei dintorni della capitale, indicando idee per viaggi alla scoperta di bellezze sia artistiche che storiche, ambientali, architettoniche e molte altre ancora.

Oltre a diversi itinerari turistici effettuabili in tale parte di regione, inoltre, si potrà avere accesso a numerosi consigli ed informazioni utili per poter organizzare sia gite di più giorni e sia gite fuori porta giornaliere dedicate alla scoperta di borghi, scorci e panorami mozzafiato.

Nel caso Roma sia stata già ampiamente visitata e si siano potute ammirare le sue piazze ed i suoi maestosi monumenti, è possibile decidere di interessarsi anche alla visita di mete della provincia. Spesso tali mete sono poco conosciute anche dagli abitanti di Roma, i quali non conoscono tutte le attrazioni turistiche di cui è fornito il loro territorio.

Una delle mete maggiormente consigliate per una gita fuori porta è la città di Castel Gandolfo. Questa è conosciuta come il luogo che funge da residenza estiva dei papi, ma è anche uno dei luoghi che offre panorami ed esperienze naturalistiche esclusive.
In particolar modo, uno dei luoghi più interessanti di tale città è il lago di Castel Gandolfo, meta ideale per svolgere attività come la pesca, la canoa oppure la vela.

Vale poi la pena visitare anche Tivoli e la Villa Adriana: a soli 25 km da Roma si potrà godere della vista della più grande villa romana mai costruita per un imperatore (Adriano), ammirando la straordinaria bellezza che caratterizza ormai da secoli l’architettura romana.

Nelle zone adiacenti a Roma, oltre alle zone citate, si possono trovare numerosi intrattenimenti sia di tipo culinario che sociale. A tal proposito si potrebbe citare Ariccia: questa è una delle località maggiormente conosciute nei dintorni di Roma sia per la breve distanza tra le due città e sia perché ospita la famosissima Sagra delle Porchetta, la quale può vantare una tradizione millenaria ed una produzione conosciuta in tutta Italia.

Nel caso in cui, invece, si voglia optare per una gita fuori porta nella stagione calda, esistono numerosi ed interessanti itinerari adatti a coloro che desiderano rilassarsi in spiaggia e godersi il mare. Le spiagge più belle e conosciute nella provincia romana sono indubbiamente Sperlonga, San Felice Circero e Sabaudia.

Se, invece, si preferisce unire il relax alla spensieratezza ed il divertimento si può visitare il parco divertimenti Zoomarine: questo si trova a 38 km da Roma ed è totalmente a tema marino. Al suo interno si potrà infatti godere della vista di numerosi animali di ogni tipo, immergendosi appieno in un incontro unico con i colori ed i suoni della natura. Scopri di più dunque sulle gite fuori porta di Roma.

 

Ciao mondo!

Benvenuto in WordPress. Questo è il tuo primo articolo. Modificalo o eliminalo, e inizia a creare il tuo blog!